Posts in Category: Trani

4 OTTOBRE - La festa liturgica di San Francesco d'Assisi a Trani e Barletta 

La festa in onore di San Francesco d'Assisi, Patrono d'Italia, vieni celebrata in numerosi centri della puglia e delle province di Bari e Barletta-Andria-Trani.
Lo scorso anno abbiamo seguito festa a Molfetta: nella cittadina barese si venera nella Basilica della Madonna dei Martiri e la processione avviene nel quartiere parrocchiale.
Quest'anno invece, è stata la volta di Trani e Barletta: a Trani si venera nella chiesa parrocchiale di San Francesco dove in collaborazione con Antonio di Gaetano di "Feste a Trani (pagina facebook) è stato realizzato un filmato del transito del Santo umbro;
 
 

A Barletta invece è venerato nella Parrocchia Immacolata e nel giorno della festa liturgica viene portato in processione per le vie del quartiere parrocchiale fino all'arrivo in piazza Roma, legata al Santo per l'antica devozione contadina nei confronti del Santo, dove viene celebrata la Santa Messa all'aperto.

A seguire i filmati del transito di San Francesco celebrato nell'omonima chiesa di Trani e la processione nel quartiere parrocchiale dell'Immacolata a Barletta.

Thursday, October 5, 2017 10:25:00 PM Categories: Feste Barletta Feste Trani Processione di quartiere Trani
Rate this Content 1 Votes

TRANI - Festa Liturgica Santi Medici COSMA e DAMIANO 

Giro di boa per l'estate con la festa in onore dei Santi Medici Cosma e Damiano che per la città di Trani costituisce l'ultimo appuntamente delle feste religiose estive.
Nel giorno della festa liturgica, dopo le celebrazioni eucaristiche mattutine, nel pomeriggio è stata la volta della lunga processione cittadina.
A termine della processione, sul molo San Nicola, spettacolo pirotecnico della ditta PONTE ha chiuso la giornata di festa.
Ecco a seguire la GALLERIA FOTOGRAFICA e i filmati della processione e dello spettacolo pirotecnico.
 
 

Wednesday, September 27, 2017 8:20:00 AM Categories: Feste Trani Trani
Rate this Content 1 Votes

TRANI - Trigesimo di Mons. Pichierri  

«Al Giudice misericordioso chiederemo di dare al suo servo fedele il premio per il suo lavoro svolto fino dalla prima ora: “Beati coloro che muoiono nel Signore. Le loro opere li seguono”.  E pregheremo Gesù e lo Spirito Santo  di mandare alla nostra Chiesa un nuovo pastore, che raccolga il testimone per guidare il nostro popolo sulla via della Santità e della testimonianza della resurrezione».

Così il cardinale Francesco Monterisi, chiudendo l'omelia nella quale ha commemorato la figura di monsignor Giovan Battista Pichierri, nel cuore della celebrazione liturgica in occasione del suo trigesimo. Morto il 26 luglio scorso, il presule avrebbe festeggiato i 50 anni di sacerdozio il 30 agosto e, invece, la Chiesa locale si è stretta nel suo ricordo, cercando di coglierne gli aspetti pregnanti del testamento lasciato alla comunità dal suo pastore.

Per quanto riguarda le opere vere e proprie, il celebrante si è soffermato sul Sinodo dei giovani, «che egli ha ideato con lungimiranza, per dare una prospettiva di lungo termine alle forze vive della Comunità diocesana ed attivare i fermenti della gioventù di oggi, insidiata dai tentacoli della società contemporanea». E poi il Primo sinodo diocesano, per Monterisi «pedana di lancio per costruire la nostra Chiesa “mistero di comunione e missione”, vero lascito che il nostro amato Giovanni Battista ci consegna».

Ed ancora, il sacerdote e l'uomo, aspetti che hanno, ciascuno, contribuito a rendere speciale la figura di monsignor Giovan Battista Pichierri. «Aveva avuto un’ottima formazione liturgica - ha ricordato Monterisi -. Chi ha assistito a riti e cerimonie da Lui presieduti poteva constatare la grande attenzione che metteva nel compiere liturgie accurate, ispiratrici di riflessioni e unione con il Signore. La sua era veramente una “preghiera sacerdotale”, a detta unanime, egli è stato un autentico “uomo di Dio”».

Nel profilo tracciato dal cardinale, Monsignor Pichierri emerge, anche, come colui che «ha assecondato la religiosità del popolo, facendo ogni sforzo per purificarla e rendendosi presente in tante celebrazioni e manifestazioni, anche molto locali e particolari. Allo stesso tempo nutriva sentita devozione ai Santi. Tengo a ricordare - ha posto in risalto Monterisi - l’impegno profuso per fare avanzare la causa di beatificazione di diversi Servi di Dio della nostra Chiesa, ed in particolare di Luisa Picarreta, la mistica di Corato. E questo senso religioso dell’esistenza si rifletteva nel suo distacco dal mondo - ha osservato il celebrante -. Non si scorgeva in Lui alcun tratto di “mondanizzazione”. Sembrava che non si interessasse affatto di questioni materiali, affari, novità e altre “cose del mondo”. Lo stesso atteggiamento si potrebbe dire che avesse della politica. Lo si notava subito: era alieno dal seguire le vicende minute della politica, anche locale; tanto meno se ne lasciava invischiare: dava molta attenzione al sociale, ma non al politico. La sua preoccupazione di fondo era il bene della gente, da vero sacerdote di Cristo».

Fonte: radiobombo.it

Thursday, August 31, 2017 1:56:00 PM Categories: Trani
Rate this Content 2 Votes
Page 1 of 18 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >>