Chiesa di San Lorenzo già Conservatorio di San Luigi

 

E' detta volgarmente il Conservatorio (già San Luigi) ed affaccia su Piazza Mazzini, ai limiti con Largo Sedile Portanova, uno dei quattro seggi nobili. Vi sono ricordati, scolpiti nella pietra, i nomi di coloro che nel 1753 auspicarono la costruzione di una nuova chiesa dedicata a San Lorenzo martire sui ruderi di quella preesistente dello stesso nome.

Fu infatti eretta per interessamento del canonico Baldassarre Vischi, sotto l'arcivescovato do mons. Giuseppe Davanzati, essendo sindaco Giuseppe Carcano.

L'annesso convento fu di volta in volta monastero, ospizio, ospedale, caserma e finalmente scuola (Scuola Elementare "G. D'Annunzio").

A sinistra dell'ingresso al Conservatorio si scorge un bassorilievo in pietra che ci rammenta, fra rullar di tamburi e bandiere spiegate, l'acquartieramento in questo luogo (1862) della Guardia Nazionale al comando del medico Simone de Bello.

Per quanto riguarda l'architettura di questa chiesa rimane da dire che è una delle tante chiese barocche della città.

Fonte: "le cento chiese di trani" di Giuseppe Amorese